Dottore, come medicare la mia ferita chirurgica?

La prima cosa da fare per prenderti cura di una ferita chirurgica consiste nella pulizia della ferita stessa proteggendola dall’aggressione da parte di microrganismi e batteri, per evitare infezioni. Il primo giorno lascia la ferita com’è. È durante le prime 24 ore che inizia il processo di cicatrizzazione dei margini della ferita.

 

In attesa della cicatrizzazione completa è fondamentale mantenere la medicazione pulita. A questo proposito è buona norma sostituire quotidianamente la medicazione; il lavaggio della ferita può essere concomitante alla doccia oppure può essere effettuato con delle garze imbevute di soluzione fisiologica.

Il lavaggio della ferita deve essere seguito da una accurata asciugatura della stessa, sempre mediante l’ausilio di garze sterili, acquistabili in tutte le farmacie. L’ambiente umido è infatti un terreno fertile per la crescita e la proliferazione di patogeni che possono determinare infezioni del sito chirurgico.

È buona norma disinfettare la ferita chirurgica prima dell’applicazione del cerotto; per la disinfezione è possibile utilizzare un disinfettante allo iodio (Betadine®) o della Clorexidina. Il disinfettante deve essere applicato con l’ausilio di una garza sterile; il movimento da effettuare per l’applicazione deve essere centrifugo, ovvero dall’interno verso l’esterno della ferita, per evitare di portare lo sporco verso la ferita stessa.

A questo punto è possibile medicare per proteggere la ferita. Sono da preferire cerotti premedicati traspiranti piuttosto che impermeabili, per garantire l’adeguata ossigenazione della ferita.

I punti di sutura vengono solitamente rimossi a 7-10 giorni dall’intervento chirurgico. Dopo la rimozione dei punti di sutura le ferite cicatrizzate possono essere lasciate scoperte e non necessitano di ulteriori procedure.

 

Dottore, la ferita è arrossata! Come mi devo comportare?

Nel caso in cui scoprendo la medicazione si notasse un arrossamento dei margini della ferita, è buona norma sottoporla alla valutazione del medico in quanto l’arrossamento cutaneo può essere la spia precoce di un’infezione della ferita chirurgica.

 

Dottore, la ferita è bagnata! Come mi devo comportare?

Diversi tipi di secrezioni possono presentarsi dai margini della ferita:

  • Colorito giallino limpido: siero
  • Colorito brunastro: sangue “vecchio”
  • Colorito biancastro opaco: pus

In qualsiasi caso è bene procedere alla medicazione con lavaggio e disinfettante, coprire la ferita e mostrarla al medico il prima possibile per scegliere il metodo di trattamento migliore.